SUI MURI DI LEGRO IL RICORDO DI GASTONE MOSCHIN


Il lago d’Orta ricorderà Gastone Moschin domenica 24 settembre. L’attore scomparso ieri entrerà far parte della “Galleria degli artisti” che sarà presentata in occasione del ventesimo compleanno di “Legro paese dipinto”, il primo ed unico museo italiano all’aperto in cui 49 murales si ispirano a scene da film girati negli ultimi cento anni sui laghi d’Orta, Maggiore, nel basso novarese e vercellese.
Gastone Moschin era legato ad Orta per avervi lavorato in due film. Il primo fu “L’Andreana”, dal romanzo di Marino Moretti, ambientato alla stazione ferroviaria di Legro diventata per l’occasione “Cesenatico” e nel castello di Monte Oro, ad Ameno nel 1982; nel 1996, Moschin torno ad Orta per girare, con Antony Delon e Antonella Lualdi, “Una spina nel cuore”, diretto da Alberto Lattuada, tratto dall’omonimo romanzo di Piero Chiara.

Domenica 24 settembre, l’attore scomparso entrerà far parte della Galleria degli artisti” che sarà presentata alle 15,00 e nella quale saranno ritratti altri protagonisti di film girati nel novarese, vercellese e VCO: Paolo Villaggio (Beati i ricchi) ed Elsa Martinelli (La Risaia) oltre ai mostri sacri del cinema italiano Alberto Sordi e Vittorio de Sica impegnati con ‘Addio alle Armi’ che fu girato nel 1957 tra il Mottarone, le Isole Borromee, Stresa e Brissago. Infine ci sarà anche un omaggio all’ortese di adozione, Roberto Risso, famoso nei panni dell’appuntato dei carabinieri in ‘Pane amore e gelosia’ al fianco della Lollobrigida.http://www.vcoazzurratv.it/117-cultura/territorio/7446-legro-matilda-tornera-agli-antichi-splendori

Commenti